Bloccato su Instagram. I nuovi limiti sulle azioni. Aggiornamento Dicembre 2019

19, Dic, 2019 | Web Agency Blog

bloccato-su-instagram-i-nuovi-limiti-sulle-azioni-aggiornamento-dicembre-2019-lv-design-web-agency-e-grafica-realizzazione-siti-web-bologna

Come molti avranno già notato, Instagram aggiorna continuamente il suo algoritmo per migliorare l’esperienza utente.

Se sai leggere tra le righe, puoi tranquillamente tradurre la frase precedente in “penalizzare l’azione di software esterni” che disseminano like e commenti a destra e a manca senza alcun criterio in favore di quei profili che, pagando questi bot, aumentano i propri numeri sul social.

Questa è una violazione delle regole della community che è stata tollerata per troppo tempo.

Ora Instagram ha detto basta e ha ristretto talmente tanto i propri limiti che si sta verificando un fenomeno che eccede dall’altro lato.

Infatti, capita anche agli utenti reali, che non fanno uso di bot, di compiere “gesti automatizzati”.

Si sa, errare è umano e alcune volte ci si fa prendere la mano, o meglio il pollice, e si mettono troppi like in troppo poco tempo.

Ed ecco che l’algoritmo “ti sgama”, ti scambia per un software e ti ritrovi bloccato per settimane, in punizione dietro la lavagna, senza apparentemente aver fatto nulla di male!

Instagram si è aggiornato non solo sul discorso like ma anche sulle tutte le altre attività che ritiene sospette: sui follow, gli unfollow, i commenti e le app che tengono monitorato il tuo profilo.

Insomma, a quanto pare è arrivato il momento di rigare dritto per davvero e di fare tutti i bravi bambini!

Per tutelare la community, Instagram presume che tu sia un utente medio che non attua alcuna strategia per crescere.

Secondo il nostro punto di vista c’è strategia e strategia.

Un conto è comprare follower e usare bot, un conto è postare contenuti di qualità e voler farsi notare attirando l’attenzione degli altri con like a belle foto, e follow a persone che secondo te lo meritano.

I LIMITI PER LE AZIONI SU INSTAGRAM

I limiti descritti nella documentazione Instagram API sono:

  • 60 like orari
  • 60 commenti orari
  • 60 follow orari

Ultimamente temiamo che questi limiti si siano ulteriormente abbassati, tenendo conto anche di quante azioni si compiono nell’arco di 24 ore.

Tieni conto inoltre che il totale delle tue azioni mensili (like, commenti, follow e unfollow) dovrà essere al di sotto del tetto massimo di 6000 operazioni al mese.

Per quanto abbiamo notato, le azioni più penalizzate da Instagram sono i like, infatti, abbiamo sentito moltissimi utenti che hanno sperimentato il blocco temporaneo da 24 ore fino a 7 giorni sui mi piace.

ATTENZIONE AI LIKE:

  • Anche se il limite è fissato per 60 all’ora, ti suggeriamo di non superare i 40.
  • Limitati al tetto massimo giornaliero di 400 al giorno.

ATTENZIONE ANCHE AI COMMENTI:

  • Commenta con frasi da almeno 5 parole, al contrario potresti essere scambiato per un bot. È finita l’era dei commenti: “Beautiful” e “Amazing shot!”
  • Evita i commenti composti da sole emoticon
  • Anche se il limite è fissato per 60 all’ora, ti suggeriamo di non superare i 40.
  • Limitati al tetto massimo giornaliero di 100 al giorno.

ATTENZIONE AI FOLLOW/UNFOLLOW:

  • Anche se il limite è fissato per 60 all’ora, ti suggeriamo di non superare i 30.
  • Limitati al tetto massimo giornaliero di 100 al giorno.
  • Ricordati che fare unfollow è registrato come azione “follow”.

Inoltre, l’aspetto sul quale IG ha messo il focus è controllare da dove provengono le interazioni.

Instagram tende a bloccare quegli utenti che interagiscono da diversi dispositivi e indirizzi IP nello stesso momento.

COSA SI PUÒ FARE PER EVITARE I BLOCCHI

1 – Interagisci sempre e solo da un dispositivo.  Non interagire su IG da cellulare e da desktop contemporaneamente.

2 – Diminuisci ulteriormente il numero di operazioni orarie sui like. I limiti in teoria restano 60 operazioni orarie, ma secondo i nostri test è bene non superare le 50.

3 – Ti consigliamo caldamente di scollegarti da qualsiasi applicazione sospetta (come le definisce Instagram).

In questo maxi-gruppo di “app sospette” fanno parte tutte quelle applicazioni che generano like e commenti falsi. Ma non solo.

Anche le app per il controllo dei follower, come ad esempio Unfollower, le app tipo Preview e Later che ti permettono di avere una visione d’insieme del tuo feed programmando i post.

Insomma, tutte quelle che vanno a intervenire direttamente o in nome e per conto del tuo profilo instagram.

COME SUPERARE IL BLOCCO

I blocchi permarranno sul tuo profilo sino a quando la somma delle operazioni totali negli ultimi 30 giorni non sarà inferiore ai 6000.

Quindi non puoi fare altro che attendere pazientemente fino alla data che ti impone Instagram.

Non forzare la mano, non controllare di continuo se il blocco è passato. In questo modo peggiorerai solo le cose.

Aspetta il periodo di tempo che ti è stato imposto.

Pur mettendo in pratica i suggerimenti sopracitati, può capitare che il blocco si ripresenti.

Sempre più frequentemente leggiamo messaggi di utenti che continuano a ricevere ulteriori blocchi dopo essere stati sbloccati una prima volta.

In questo caso sei “sorvegliato” da Instagram.

L’unico modo per uscirne è sospendere qualsiasi tipo di operazione, tranne la pubblicazione di contenuti, per 7 giorni.

Una volta trascorsi questi 7 giorni di detox da Instagram, probabilmente sarai in crisi d’astinenza e ti verrà voglia di recuperare il tempo perduto. Ecco, fermati.

Il nostro consiglio è di riprendere ma con estrema prudenza. Limitati a pochissime azioni al giorno e aumenta piano piano.

COSA SI RISCHIA SUPERANDO I LIMITI DI INSTAGRAM

Superare limiti orari imposti da Instagram, significa esporsi al rischio che l’account venga sospeso. Ma non vogliamo buttarti subito nel panico.

Questo nella pratica non accade alla prima sanzione. La prima volta Instagram ti avvisa limitando le tue azioni, solitamente andando a sospendere per 24 ore l’azione di cui si è abusato.

Se, per esempio, hai superato il limite dei 60 like all’ora, Instagram ti impedirà di mettere like per le 24 ore successive.

Ti sconsigliamo di compiere altre operazioni (follow o commenti) durante il periodo di blocco temporaneo imposto.

Inoltre, questa è un’ulteriore avvedutezza da adottare, prendi questo blocco come monito e cambia la password, in questo modo disconnetterai dal tuo account tutte quelle app di cui forse ti eri dimenticato di avere.

LIMITE DEI 7500 SEGUITI

Alcuni utenti se ne sono già accorti ma altri non sono ancora inciampati in questo problema.

Difatti, con un recente aggiornamento dell’algoritmo di Instagram, non si possono seguire più di 7500 profili su Instagram.

Questa limitazione è stata introdotta, soprattutto per ridurre l’azione automatica di software esterni che aumentano e diminuiscono i numeri in modo esagerato.

Ma non tutti i casi sono uguali. Infatti, sono ancora presenti nella community profili che seguono più di 7500 persone.

Questo perché la regola applicata ora non è retroattiva e quindi se trovi profili con numeri altissimi alla voce “Seguiti” è perché la regola è stata applicata solo a coloro che già da prima dell’introduzione dell’aggiornamento non seguivano più di 7500 persone.

Quindi, se avete meno di 7500 persone che vi seguono non potrete più seguirne oltre 7500, neanche più avanti.

Il limite si fermerà quindi così per tutti i nuovi, fino a quando non cambieranno il metodo, se lo cambieranno.

 

Autore

Consulente informatico e Web Designer per privati, aziende e professionisti di vari settori, si occupa dal 2003 e della progettazione e realizzazione di siti web e di tutto quello che ruota attorno alla loro gestione e al loro sviluppo. Esperto Web Strategist, esperto dei CMS WordPress e Joomla, grazie anche alle ampie competenze acquisite in tema Sistemistico, si occupa dell’ottimizzazione delle prestazioni di un sito web al fine della sua ottimizzazione per i motori di ricerca. Forte delle sue ampie competenze in tema di Assistenza tecnica hardware e Software da un paio di anni si occupa di formazione in ambito informatico, progettazione e sviluppo di siti web.

Cerca

Articoli Recenti

Cosa vuol dire Web Agency?
Cosa vuol dire Web Agency?

Cosa vuol dire Web Agency? Al giorno d’oggi siamo abituati a riempirci la bocca con termini inglesi a tema informatico o economico che lasciano passare poco il messaggio della loro vera funzione. Termini come SEO (Search Engine Optimization), Social Media Marketing,...

Web Agency al servizio delle imprese
Web Agency al servizio delle imprese

Web Agency al servizio delle impreseProntopro, player internazionale, capace di collegare migliaia di professionisti alla ricerca di una data professionalità, negli ultimi mesi si sta interrogando sulla realtà Web delle agenzie ed è con questo scopo che è entrata in...

Il Black Friday 2019 di L+V Design
Il Black Friday 2019 di L+V Design

Il Black Friday 2019 di L+V DesignIl Black Friday 2019 è alle porte: numerosi sconti costellano il web in quella che ormai è diventata la settimana che dà il via agli acquisti natalizi. Il Black Friday, letteralmente venerdì nero, si pensa abbia origine intorno agli...

Layout per la stampa e per il web
Layout per la stampa e per il web

Layout per la stampa e per il webCosa hanno in comune il lavoro del copywriter, del web designer e graphic designer? Tante cose accomunano le professioni della nostra agenzia e purtroppo anche una crisi a volte può colpire ognuno di noi: la crisi da foglio bianco. In...

Nasci marchio diventa brand
Nasci marchio diventa brand

Nasci marchio diventa brandQuanto è fondamentale la confezione per vendere? Cosa chiede e cosa cerca il cliente? Rispondere a queste domande rappresenta un punto di partenza importante per avere successo nelle vendite. Per questo motivo è importante realizzare una...

Seguici